I ragazzi delle elementari incontrano lo scrittore Mario Gamba

Pubblicato il mar 25, 2014 | 0 commenti

Spesso si ritiene che i ragazzini delle elementari siano ancora troppo piccoli per affrontare tematiche, per così dire, “da grandi”. Eppure, quando a stimolarli è un professore filosofo che fa anche lo scrittore, la cosa è da ritenersi assolutamente possibile.

Venerdì 21 marzo, gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola elementare Ada Negri dell’I.C. Salvo D’Acquisto di Muggiò, in occasione dell’incontro con lo scrittore Mario Gamba, organizzato dall’Associazione Culturale Amaltea, hanno dimostrato un interesse ed una curiosità  assolutamente inaspettati.

amaltea cultura-5

Ovviamente, all’inizio, le prime curiosità che il Prof. Gamba ha dovuto soddisfare, sono state quelle relative a come si diventa scrittori,  a come nasce un libro e dove si trova l’ispirazione per scriverlo.

Su questi argomenti di “riscaldamento”, il Prof. Gamba non si è fatto sfuggire  l’occasione per far notare ai ragazzi  quanto sia fondamentale per loro leggere. Attraverso la lettura si imparano molti più vocaboli, ha detto il professore, e ciò aiuta a esprimere meglio e con più efficacia ogni pensiero.

Successivamente però, grazie anche alla guida attenta del loro interlocutore, il rapporto si è fatto più “dialogico” e i ragazzi sono stati stimolati   a riflettere sul contenuto pedagogico dei  libri che avevano letto.

amaltea cultura-8

Parlando del libro “Telefonino, non friggermi la zucca!”, ad esempio, il Prof. Gamba ha fatto notare come il protagonista Ernesto, al quale i genitori avevano regalato un telefonino, avesse fatto   un uso sconsiderato dello stesso e, di conseguenza,  le orecchie fossero diventate delle parabole  causandogli non poche  disavventure.

E’ bastato questo piccolo spunto per stimolare nei ragazzi riflessioni  di ogni tipo: dal tempo sottratto alla lettura  al pericolo derivante dalle onde elettromagnetiche,  fino ad arrivare a notare come l’eccessivo uso del telefonino  possa portare ad un inconsapevole isolamento.

Così fra domande, risposte e riflessioni  le due ore previste per l’incontro sono volate in un battibaleno e, alla fine, tutti erano d’accordo sul fatto che bisogna rivedere alcune cattive abitudini e tornare a giocare e a divertirsi in modo più “semplice”,  senza l’uso mediato delle tecnologie, cercando di riscoprire il contatto umano che  meglio di ogni altra cosa può far scoprire il vero  valore dell’amicizia.

amaltea cultura-1

amaltea cultura-2

L’Associazione Culturale Amaltea ringrazia:

  • Il prof. Mario Gamba per la sua disponibilità, la passione e l’entusiasmo con i quali ha accolto l’invito a partecipare al progetto;
  • Il D.S. dell’I.C. Salvo D’Acquisto di Muggiò per  aver apprezzato l’iniziativa e averla proposta alle insegnanti delle elementari;
  • Le maestre: Barbara Busetto, Annamaria Brambilla, Cinzia Riva, Norma Bracchi, Tiziana Rioli, Barbara Censi e Carla Baruffardi che sono state coinvolte e che hanno seguito i ragazzi nella lettura dei libri e nella elaborazione delle domande;
  • Tutti i ragazzi e ragazze delle elementari delle 4 e 5 della scuola Ada Negri che hanno partecipato con interesse ed entusiasmo all’evento.

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>