La storia poco ufficiale… Quando Cesare mantiene le promesse

Pubblicato il set 24, 2017 | 0 commenti

di Alice Colombo

 

Battaglia navale con le trireme romane

Battaglia navale con le trireme romane

 

Gli storici narrano che Giulio Cesare, quando ancora non era padrone di Roma, durante un viaggio per mare fu rapito dai ferocissimi pirati di Cilicia. Questi gli chiesero un prezzo di 20 talenti per il riscatto: Cesare scoppiò a ridere, perché essi non sapevano chi avessero davanti, e di sua iniziativa propose di darne loro 50. I suoi servi partirono dunque per recuperare il denaro richiesto e ci misero 38 giorni.

Nel frattempo, poiché Cesare si annoiava, prese l’abitudine di esercitarsi a comporre poesie e discorsi, ripetendoli alle povere orecchie dei pirati. Se questi non lo ricoprivano di lodi li minacciava scherzosamente di farli impiccare. Finalmente giunse il riscatto e Cesare fu liberato. Per prima cosa fece armare una nave e partì all’inseguimento dei suoi rapitori. Li raggiunse, li catturò, recuperò il denaro…e li fece impiccare!

 

Il sorrisetto di Cesare

Il sorrisetto di Cesare